Tsedang

Bookmark and Share

La città di Tsedang è un posto carino e tranquillo dove, secondo la tradizione popolare, sarebbe nato il popolo tibetano. Quella che attrae di questa antica città sono però alcuni templi che le sorgono vicini, fra i più antichi del Tibet:
  • Monastero di Samye, primo monastero fondato nel 779 da Trisong Detsen, che da qui dichiarò il buddismo come religione di stato. La sua struttura architettonica intendeva rappresentare l'universo e ciascuno dei templi e delle pagode corrispondeva a un punto cardinale, al sole ed alla luna. La sua particolarità consiste però nel fatto che ogni piano è costruito secondo una tradizione e uno stile differente (tibetano, indiano e cinese) a testimonianza delle diverse culture che hanno influenzato questa terra
  • Trandruk fondato da Songtsen Gampo nel VII° sec. Al secondo piano di questo monastero é conservato un prezioso thangka realizzato con 30.000 perle a cui é legata un'antica leggenda: un monaco ritornò dall'India con una statua di rame raffigurante Buddha questa aveva il dono della parola. All'arrivo, la statuina, vedendo la regina si sorprese e le disse che era molto bella, essa pensò allora di ringraziarla adornandola con dell'oro. La statuina si stupì tanto del gesto che perse la parola. La regina mortificata pensò che il silenzio fosse un rimprovero, si tolse la corona e usò le perle incastonate per far realizzare questo pregiato thangka. Durante i secoli il monastero subì forti trasformazioni ed ampliamenti, ma fu gravemente danneggiato durante la rivoluzione culturale e ricostruito solo nel 1988.
  • lo Yumbu Lhakhang risalente al II sec. a.C. e dichiarato la prima casa tibetana, che ospitò il primo re tibetano Nyatri Tsenpo La sua torre, alta circa 11 metri, caratterizza l'edificio dandogli l'aspetto di fortezza.